News

A Londra la focacceria più piccola del mondo.

today15 Aprile 2021 13

Background
share close

Quattro fette di profumata mortadella in una soffice focaccia sfornata qualche ora prima, ed ecco che il palato internazionale della capitale inglese scopre il piacere di addentare una delle specialità italiane per eccellenza. A dare un tocco di originalità a questo classico italiano, è il fatto che sia allestito all’interno di una cabina telefonica, la famosa cabina telefonica rossa, icona senza tempo della cultura pop inglese. In 2 metri e 51 centimetri di altezza per 80 di larghezza, Gabriele Contente, 30 anni di Roma, dallo scorso gennaio prepara mortadella e focaccia per i passanti nella zona residenziale di Hampstead Heath: studenti al rientro da scuola, ufficio lavoratori in pausa pranzo, pendolari in attesa che l’autobus arrivi alla fermata vicina. Decine di coloro che in queste prime settimane di attività si sono fermati davanti a Pinkadella, nome nato dall’unione di “pink”, rosa in inglese, e “della” da mortadella, incuriositi entrambi dall’aspetto piuttosto originale di Gabriele vestito da macellaio d’altri tempi con cravatta e cappello (rigorosamente rosa) che profuma di buono che esce dalla cabina telefonica. “Vivo a Londra da tre anni e ho sempre avuto l’idea di aprire un’attività nel settore della ristorazione – spiega il 30enne.

La mia professione principale è comporre musica e mi sono trasferita nella capitale inglese dagli Stati Uniti per continuare questo viaggio. Ma vengo anche da una famiglia dove la cucina è sia una passione che una fonte di reddito. Mio nonno aveva ristoranti a Roma, mia madre e mio fratello sono chef e, visto che Londra è storicamente la città delle opportunità e delle sperimentazioni in campo culinario, perché non buttarmi dentro? “Così nasce la cabina telefonica che produce mortadella, rigorosamente preparata e spedita dall’Italia, e focaccia bianca consegnata ogni mattina da un vicino panificio gestito da italo-inglese. Gli stessi possono essere conditi anche con pesto di pomodoro, pesto genovese, pomodori secchi, salsa di peperoni e burrata per soddisfare il pubblico vegetariano e vegano. Il costo varia da 6 sterline (poco più di 7 euro) fino ad un massimo di 8 sterline, circa 10 euro. “Tostato” incluso. Per dare una spinta ancora maggiore allo spirito romano della proposta, il menù prevede anche bombe di cioccolata calda da accompagnare al caffè Espresso e c’è anche la possibilità di riempire di caffè la propria tazzina termica, così anche tu dai una mano all’ambiente mettendo in circolazione la plastica. La scelta di aprire la focacceria più piccola del mondo, perché oggi lo dicono i provvedimenti, nasce dal fatto che Gabriele ha voluto prima testare la sua proposta culinaria cercando di ottimizzare i costi di affitto. Da tempo a Londra c’è la possibilità di affittare le cabine dismesse che sono state soppiantate dai cellulari. Il costo medio dell’affitto è di £ 300 al mese, circa € 360, più spese per permessi e fornitura di energia elettrica. Per quanto riguarda la mortella, si tratta di un salume presente da tempo nei supermercati britannici, ma non tutti sanno come abbinarlo al meglio. E la focaccia bianca è sicuramente l’abbinamento vincente, meglio ancora se preparata da un romano doc.

Written by: Olga Visconte (Roma)

Rate it

Previous post

DJ

Musica, Economia e non solo

https://www.youtube.com/watch?v=eVCfp8WuAA0 Il punto centrale della musica digitale è il pascolo senza rischi" Cory Doctorow, giornalista canadese e co-editore e del blog insolito Boing Boing, è un attivista a favore della liberalizzazione delle leggi sul copyright e un sostenitore dell'organizzazione no-profit Creative Commons dedicata all'ampliamento della gamma di opere creative disponibili per gli altri costruire legalmente e condividere. Doctorow e altri continuano a scrivere in modo prolifico sui cambiamenti apocalittici che […]

today5 Aprile 2020 165 6 5


0%